giovedì 25 novembre 2010

Elegia


Ci fermammo dove i corpi si stagliavano contro il cielo,
lei si voltò e pose la sua fronte verso l’Alba.
Il vento asciugava il sudore della salita,
che spettinava con dolcezza.
Il respiro diveniva via via più regolare
e trovata una posizione stabile,
osservammo senza sosta il mare di nuvole che si parava innanzi.

Non una parola, nessun commento,
spettatori muti innanzi a scenari sorprendenti.

Il vento suonava nuove melodie
e ci lasciammo sorprendere da quella musica intonata solo per noi!


http://www.flickr.com/photos/troise/

Reazioni:

2 Commenti:

Melodia del silenzio, quando ci immergiamo con lo spirito nella Natura...bravo Carmine, bel pensiero e bellissima foto come sempre, molto "emozionale"!

certo che in fatto di poesia .... non si scherza .... questi pensieri sono in armonia con il vostro stile di vita ....

Posta un commento