Benvenuti nel nostro blog!

Un saluto a tutti i visitatori da Francesco "Sisto" Sisti e Carmine "Washi" Troise! Come un ideale cammino, passo dopo passo, troverete qui una raccolta dei nostri pensieri, delle nostre camminate e delle riflessioni sul mondo della montagna e della natura in generale; un modo, nel nostro piccolo, di rendere omaggio al teatro delle bellezze selvagge che ci circondano ed ai suoi degni abitanti...muovendoci come sempre "in punta di piedi"...

giovedì 30 dicembre 2010

mercoledì 29 dicembre 2010

...tramonti affrettati...

Campagna di Dorno, Lomellina, Provincia di Pavia

La galaverna, il freddo e una spruzzata di neve...poi attendo il lento calare del sole, che in questo periodo dell'anno affretta la sua corsa verso la sera, e imbraccio la mia fida mountain bike.
E scopro, come sempre con piacere, che la "mia" campagna, nella natura forgiata dalle sapienti mani dei miei avi, che non cercavano di distruggerla ma di modellarla per le loro attività, in una sorta di comunione con l'ambiente, riesce sempre a stupirmi...anche negli angoli che mille e più volte ho già passato nei miei giri!
Ed il bellissimo tramonto invernale scende, placido...

domenica 26 dicembre 2010

Elevazione



… Oltre tutte le noie d'ogni giorno
e le pene che offuscano la vita
come nebbie letali,
felice chi col battito vigoroso dell'ali
può levarsi ad attingere le chiarità serene…

…Felice chi,
lasciatisi alle spalle gli affanni e i dolori
che pesano con il loro carico sulla nebbiosa esistenza,
può con ala vigorosa slanciarsi verso i campi luminosi e sereni;
colui i cui pensieri, come allodole,
saettano liberamente verso il cielo del mattino;
colui che vola sulla vita
e comprende agevolmente il linguaggio dei fiori e delle cose mute.

Charles Baudelaire

http://www.flickr.com/photos/troise/

venerdì 24 dicembre 2010

Auguri di Buon Natale da "Sisto" e "Washi"!

Camoscio - Rupicapra rupicapra (Valsavaranche, Valle d'Aosta, Parco Nazionale del Gran Paradiso)
Tanti cari auguri da Francesco "Sisto" Sisti e Carmine "Washi" Troise a tutti coloro che seguono il nostro blog ed a tutti quelli che amano la Natura e le Montagne!!!
Buon Natale!!!

Sisto & Washi

mercoledì 22 dicembre 2010

martedì 21 dicembre 2010

...la freschezza del mattino!

La luce del mattino inonda le nuvole lievi della mattina invernale...mentre risalgo la bella Valle dell'Orco, inizio ad assaporare il dolce sapore della montagna, nei suoi più intimi risvolti...

Prime luci sopra Noasca (Valle dell'Orco, Parco Nazionale del Gran Paradiso, Piemonte)
Ogni metro che compio verso le "mie" montagne, si realizza in me la consapevolezza che, nel mio cuore, vado non solo alla ricerca della purezza della Natura; è anche il sapere di poter godere di certi semplici, intensi momenti...

-->...continua.

domenica 19 dicembre 2010

Un luogo segreto in fondo al cuore - Un lieu secret dans le fond du coeur - A secret place in the bottom of the heart


INFINITI ABBRACCI

Leggere, candide,
ora adagiate, ora sospese,
solitarie o raggruppate,
dai profili definiti o dalle masse informi che preannunciano il temporale,
sospinte velocemente dal vento o immobili sulle vette,
stagliate nell’azzurro o riverse sui fianchi delle montagne,
come bianche lenzuola ne avvolgono le formose nudità.
Non hanno ostacoli,
travolgono tutto ciò che incontrano,
lo invadono, lo abbracciano
rendendolo partecipe della loro eternità.
L’uomo, fortunato spettatore di tanta grandiosità,
non può che restare a guardare meravigliato
e perdersi nell’infinità di mistici scenari
che solo la Natura può offrire.

http://www.flickr.com/photos/troise/

sabato 18 dicembre 2010


L'amore è un modo di vedere e di sentire, un punto di vista più elevato e ampio: vi si scoprono prospettive infinite e orizzonti senza limiti.

G. Flaubert





giovedì 16 dicembre 2010

Intimo inverno...

Cercando un intima comunione con il paesaggio e con la natura, sabato scorso 11 Dicembre mi avvio nella splendida Valle dell'Orco (TO), nel Parco Nazionale del Gran Paradiso...
E' bello tornare lassù, lasciarsi avvolgere dall'abbraccio delle montagne di questa porzione di Alpi Graie a me tanto cara e familiare...
Poco sopra Chiapili di sotto, Valle dell'Orco (TO), Parco Nazionale del Gran Paradiso

Risalendo i pendii verso il bosco, assaporo la natura che mi circonda materna, e ne apprezzo il sapore così familiare...ciao Inverno, ciao monti ammantati di freddo!
Che bella questa armonia così intima...

-->...continua!

martedì 7 dicembre 2010

Sapori vicino a casa...Val Curone (AL)

...la mattina presto, a volte, invece di puntare il mio viaggio alle Alpi, mi dirigo verso le montagne di "casa mia", nel vicino Oltrepò Pavese o in Val Curone, in Provincia di Alessandria.
Montagne dell'Appennino, silenti e dolci, accoglienti e selvagge per chi, come me, ama esplorarne gli angoli più solitari ed incantati...

Val Curone (AL)
Mattina gelida, godendo dei panorami imbiancati dalle prime nevi di fine Novembre, attorniato dal sapore di una terra vicina e carica di storia...

Val Curone (AL)
Mentre sui crinali laggiù il sole già si lascia ammirare, io cammino avvolto dalle ombre e dalla galaverna, consapevole di quante dolci sorprese possono ancora riservarmi le montagne vicino a casa...






lunedì 6 dicembre 2010

...


La bellezza ha un linguaggio celeste tutto suo, più elevato delle voci delle lingue e delle labbra.
E’ un linguaggio senza tempo, comune a tutta l’umanità, un lago calmo che attira i ruscelli canori alle sue profondità e li mette a tacere.
K. Gibran


http://www.flickr.com/photos/troise/

mercoledì 1 dicembre 2010

...quando il Cuore viaggia altrove!



Il rosso del tramonto sulla fronte, il soffio freddo del vento invernale sulle gote...

lunedì 29 novembre 2010

...quando il cuore viaggia, sulle tracce...

Silenzi che si tramutano in emozioni nel cuore...cade la prima neve in questa stagione, e lassù gli spazi si trasformano...
Arp Vieille, Valgrisanche (Valle d'Aosta)
...e mentre il tempo fluisce, i miei pensieri ed il mio cuore viaggiano, tornando all'intimo sapore invernale...ormai, avendolo assaporato, non desidero che riabbracciare i candidi paesaggi!

Verso il Rif. Benevolo, Val di Rhêmes (Valle d'Aosta)
Inseguo i segni degli abitanti del regno Alpino e, sulle loro silenti armonie, lascio trasportare il mio cuore come sulle note di un canto soffice della sera...

Vallone di Crevacòl, Valle del Gran San Bernardo (Valle d'Aosta)




giovedì 25 novembre 2010

Elegia


Ci fermammo dove i corpi si stagliavano contro il cielo,
lei si voltò e pose la sua fronte verso l’Alba.
Il vento asciugava il sudore della salita,
che spettinava con dolcezza.
Il respiro diveniva via via più regolare
e trovata una posizione stabile,
osservammo senza sosta il mare di nuvole che si parava innanzi.

Non una parola, nessun commento,
spettatori muti innanzi a scenari sorprendenti.

Il vento suonava nuove melodie
e ci lasciammo sorprendere da quella musica intonata solo per noi!


http://www.flickr.com/photos/troise/

mercoledì 24 novembre 2010

I tuoi figli non sono figli tuoi...


I tuoi figli non sono figli tuoi,
sono i figli e le figlie della vita stessa.
Tu li metti al mondo,
ma non li crei.
Sono vicino a te,
ma non sono cosa tua.
Puoi dar loro tutto il tuo amore,
ma non le tue idee.
Tu puoi dare dimora al loro corpo,
ma non alla loro anima,
perché la loro anima abita
nella casa dell’avvenire
dove a te non è dato entrare
neppure con il sogno.
Puoi cercare di somigliare a loro,
ma non volere che essi assomiglino a te,
perché la loro vita non ritorna
indietro e non si ferma a ieri.
Tu sei l’arco che lancia i figli verso il domani.

sabato 20 novembre 2010

Pensando alla neve...Alpe Colmetto - 1735mt (Punta Arbella, Val Soana, Provincia di Torino)

Attendo, quaggiù, di rivedere presto i monti, come sempre. Lascio scorrere i ricordi alla neve che, soave, cade già sulle nostre Alpi.
Quale bellezza, al momento che rivedrò tutto ciò!




Alpeggi adagiati come spiriti arcaici, dormienti su queste silenziose montagne...
Il sapore della montagna che fu, sotto i tetti di pietra, raccontando storie di vera vita, di lavoro e di passione...i pensieri a queste costruzioni che ormai considero parte integrante di questo incredibile paesaggio, mentre attraversiamo nella neve alta verso la cima di Punta Arbella...

(Punta Arbella, Val Soana, Provincia di Torino)



La solitudine è il mio stile di vita.

Pensieri in scritto: quando la passione attraversa gli occhi e la mente, al contatto con l'ambiente sublime del selvaggio, può creare queste immagini. E le parole scorrono nei pensieri...


La mia dimora è la Montagna, gli ambienti ostili e pericolosi, le pareti a strapiombo, le rocce aride, la vegetazione rada e le temperature estreme.
La solitudine è il mio stile di vita, lente d'ingrandimento che mostra ciò che non si vede.
La prospettiva è privilegiata, è la sorte degli spiriti liberi.
Solitudine è lasciarsi sussurrare dal vento i suoi segreti senza orecchie indiscrete.



giovedì 18 novembre 2010

Persi nel silenzio: Vallone di Forzo (Valle Soana, Piemonte, Parco Nazionale del Gran Paradiso)


Alpe Pian delle Mule - 22785mt (Valle Soana, Piemonte, Parco Nazionale del Gran Paradiso)
Angoli nascosti, profondi, che penetrano nell'anima; e se l'anima è quella, tanto amata, di un territorio, di un Parco come il Parco Nazionale del Gran Paradiso, allora è un pò come scoprirne l'essenza in un viaggio per pochi intimi...
E poche valli hanno saputo catturarmi come la Valle Soana (TO), nelle sue sperdute vallate, nelle sue borgate abbandonate, nel suo sapersi staccare con montanara fierezza dal turismo di massa.
Ci si addentra nel Vallone di Forzo, angolo di aspra e selvaggia bellezza, che ti catapulta in uno degli scenari più veraci dei monti del Gran Paradiso.

Alba sul Monte Colombino (Valle Soana, Piemonte, Parco Nazionale del Gran Paradiso)
La vallata ti accoglie con durezza, con la consapevolezza che per godere dei suo più maestosi scenari ci si deve mettere di buona lena, calzare gli scarponi da montagna e camminare per diverse ore; essa si sa però ampiamente ripagare con le sue celate bellezze fatte di cime anguste, nascoste e splendide, di valloni sospesi, di spazi vasti e silenziosi...

Diamanti di roccia: Monveso di Forzo (3319mt) e Roccia Azzurra (3305mt)
(Valle Soana, Piemonte, Parco Nazionale del Gran Paradiso)
Guglie selvagge, piramidi di gneiss ed armonia che sfidano il cielo...l'arditezza di Madre Natura si svela in queste opere...
Ci si sente parte di un silente dialogo tra noi ed il cuore del Parco del Gran Paradiso, e la solitudine dagli altri uomini ci rende più forti e sicuri di noi; eppure, allo stesso tempo, così piccoli di fronte a tutto ciò...

Torre di Lavina (3308mt) (Valle Soana, Piemonte, Parco Nazionale del Gran Paradiso)
Lasciarmi trasportare nella consapevolezza che un'emozione sempre rinnovata è una grande ricchezza per l'anima: quando i miei passi volgono lassù, allora mi sento sicuro di aver speso bene i miei momenti, di aver preso parte, anche se per poco, di un esistenza vasta e grande come il Reame di Madre Natura.








mercoledì 17 novembre 2010

Ce serait bien plus beau si je pouvais le dire à quelqu'un - Sarebbe molto bello se potessi dire a qualcuno



Il parco Nazionale protegge contro l'ignoranza e il vandalismo beni e bellezze che appartengono a tutti.
I difensori della vita sono amici del Parco Nazionale.
Gli amici del progresso e della pace sono amici del Parco Nazionale.
Gli sportivi, gli artisti e gli studiosi amici del Parco Nazionale.
Qui c'e' lo spazio. Qui l'aria pura. Qui il silenzio.
Il regno delle aurore intatte e degli animali selvatici.
Tutto quello che vi manca nelle citta' qui e' preservato per la vostra gioia.
Acque libere: uomini liberi.
Qui comincia il paese della liberta', la liberta' di comportarsi bene.
Gli incoscienti non rispettano la natura.
Credono sia progresso il rovinarla e non sanno neppure che essa si vendica.
Attingete pure dal tesoro delle Montagne,
ma che risplenda dopo di voi per tutti gli altri.
La debolezza ha paura dei grandi spazi.
La stupidita' ha paura del silenzio.
Aprite gli occhi e le orecchie, chiudete i transistor.
Niente rumori. Niente grida. Niente motori. Niente clacson.
Ascoltate le musiche della Montagna.
Le vere meraviglie non costano una lira.
Camminare pulisce il cervello e rende allegri.
Sotterrate le preoccupazioni (e i barattoli vuoti).
Un visitatore intelligente non lascia tracce del suo passaggio.
Ne' iscrizioni. Ne' distruzioni. Ne' disordine. Ne' rifiuti.
Le cartacce sono il biglietto da visita dei cialtroni.
Raccogliete bei ricordi, ma non cogliete i fiori.
Soprattutto non sradicate piante: spunterebbero pietre.
Ci voglion molti fili d'erba per tessere un uomo.
Chi rovina un bosco e' cattivo cittadino.
Chi distrugge un nido rende vuoto il cielo e sterile la terra.
Chi e' nemico degli animali e' nemico della vita, e' nemico dell'avvenire
Uccelli, marmotte, ermellini, camosci, stambecchi e tutto il piccolo popolo di pelo e di piuma.
Hanno ormai bisogno della vostra amicizia per sopravvivere.
Dichiarate la pace ai pacifici animali. Non disturbateli nelle loro faccende, perche' le primavere future rallegrino ancora i vostri figli.
Qui e' vietata la caccia, eccetto alle immagini.
Non campeggiate dovunque e non accendete fuochi:
Certi gesti sventati posson provocare disastri.
Il Parco Nazionale e' il gran giardino di tutti.
Ed e' anche vostra eredita' personale.
Accettate coscientemente e volentieri le sue discipline.
E custoditelo voi stessi contro il vandalismo e l'ignoranza.

Paul Gayet-Tancrède alias Samivel (1907 - 1992)

lunedì 15 novembre 2010

Bravo Carmine!

Apro una parentesi per dare degno spazio alle immagini fotografiche dell'amico Carmine "Washi", e per il soddisfacente risultato ottenuto: per chi la conosce, ma anche per chi no, la rivista dedicata al mondo della montagna, "Meridiani Montagne" ha indetto, questa estate, un concorso per i lettori dove si inviava una immagine a tema "pareti, i grandi scenari delle Alpi e delle montagne Italiane".
Alle prime 13 classificate veniva data la possibilità di veder la propria immagine comparire sul calendario che ha visto la luce proprio questo mese, allegato alla rivista.
L'amico "Washi" ha partecipato e, pur non riuscendo a classificarsi tra i primi 13, è stato pubblicato nella rivista che da spazio - giustamente - anche ai primi 60 classificati.
Ecco la bellissima immagine:


Sterpi d'Alto 1.966 m - Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise
Vogliamo quindi qui fare i complimenti all'amico che, con me, gestisce questo blog con la passione per far conoscere a tutti il nostro amore per la montagna e la natura tutta, attraverso i nostri pensieri e le nostre immagini scattate da noi soli o, spesso, insieme per i sentieri!
Bravo Omo!!!
Ricordo a tutti il link alla sua gallery su Flickr: http://www.flickr.com/photos/troise/

Rincorro la luce e le nuvole...






POUR AMOUR DE LA MONTAGNE...

venerdì 12 novembre 2010

L'amore che tranquillizza il cuore in pace piena, regalami.



Rientrai tardi e dopo il Tramonto decisi di sedermi nelle vicinanze di un Rifugio in pietra, un Rifugio aperto e spartano, ma ideale per ripararsi in caso di maltempo. Ebbene, decisi di fermarmi e attendere il passaggio di qualche Amico selvatico.
Intanto iniziò a sollevarsi un vento freddo, il vento della sera, e da lì a poco la mia costanza venne premiata dapprima con un passaggio di un Cervo Maschio con un trofeo enorme e di due femmine. Il primo sembrava ancora in fregola poiché non lasciava perdere le due “donzelle” che, seppur accanto al Maschio, sembravano non gradire le avances del Maschione. La scena era bella poiché dalla bocca del maschio, in evidente stato di eccitazione, fuoriusciva il suo alito che si disperdeva nell’aria condensandosi . Proprio un bell’effetto.
Purtroppo i tre, da che si muovevano nella mia direzione, avvertendo la mia presenza tornarono indietro ed io potei soltanto continuare a guardarli con il binocolo e scattare qualche immagine a distanza.
Tuttavia dallo stesso Vallone da cui erano sortiti i tre, all’improvviso e senza un apparente motivo, un Maschio ancora più grande del precedente e con un trofeo stupendo iniziò ad inerpicarsi lungo le pareti del Vallone fino a risalire in cresta e, ivi giunto, si fermò, nella luce Magica del Tramonto, a guardare dalla mia parte, perché, credetemi, nonostante il mio silenzio e la mia discrezione Lui sapeva che qualcuno fosse lì ad osservarlo, ma nonostante tutto, dicevo, si fermò in un posto dove il suo splendido corpo si stagliava con il Cielo azzurro e le nuvole che iniziavano ad arrossarsi.
L’aria iniziava a divenire sempre più fredda ed entrambi restammo immobili, ognuno sul proprio versante, a guardarci: sembrava che il mondo finisse lì, su quella cima erbosa dove quel guardiano ne sorvegliava i confini. Rapidamente scese la sera, l’animale restò lì ancora un po’, poi quando, quasi al buio, raccolsi le mie cose ed iniziai a scendere verso valle, anch’esso iniziò a retrocedere, guardingo e sospettoso. Scendevo lentamente con la luce della lampada frontale ad illuminarmi il sentiero e conservavo ancora davanti agli occhi l’immagine che con l’ultima luce del giorno avevo guardato così a lungo da lasciarla impressa sulla retina, come dopo l’osservazione di un’eclissi. Stesso effetto nel cuore: portai a casa gli strascichi di quell’emozione: i vapori del suo alito erano così nitidi che mi sembrava di avvertirne sulla pelle il calore e quei colori intensi del cielo che anticiparono il crepuscolo, nonostante il freddo della quota, mi tennero inchiodato lì oltre mezz’ora, per me solo qualche secondo.
Un’intensa esperienza vissuta tradotta in una sola immagine che racconta in uno sguardo battiti di cuore, attese, incontri con nuovi mondi vitali, conoscenza di altri modi di percepire il diverso, linguaggi segreti di demarcazione ed appartenenza di un territorio.

giovedì 11 novembre 2010

Salviamo il Fosso Fioio - Parco Monti Simbruini

Un appello che condividiamo, per dare voce agli aspetti di difesa della nostra natura, ovunque ed in tutte le sue forme! Perchè "nostra" vuol dire che abbiamo, in fondo, anche l'obbligo morale di conservarla per gli altri, in modo da tramandare ai nostri figli, nipoti e pronipoti, un messaggio di rispetto per ogni forma di vita.


Francesco Sisti e Carmine Troise




un angolo di natura intatta, habitat primario per la sopravvivenza dell'orso
bruno marsicano, potrebbe essere alterato definitivamente dal progetto di
sviluppo turistico di una strada al confine tra Lazio ed Abruzzo. Un progetto
che ha scomodato perfino la Presidenza del Consiglio dei Ministri che lo
discuterà giovedi prossimo 11 novembre.

Con preghiera di diffusione o pubblicazione, cordialmente
Daniele Valfrè
Responsabile ALTURA per l’Abruzzo.
Associazione per La Tutela dei Rapaci e dei loro Ambienti





Altre informazioni, su Facebook: http://www.facebook.com/pages/Salviamo-il-Fosso-Fioio-Parco-Monti-Simbruini/162738843753487

Sono una nube, e nella nube è la mia solitudine, la mia fame e la mia sete. La calamità è che la nube, la mia realtà, anela di udire qualcun altro che dica: non sei solo in questo mondo ma siamo due, insieme, e io so chi sei tu.


Come sempre partii presto e dopo essermi soffermato, più volte, nel Bosco per fotografare i meravigliosi colori persistenti dei Faggi in veste Autunnale, iniziai a salire il ripido sentiero su uno morbido tappeto di foglie rosse.
La visibilità ottima, la temperatura mite e i Faggi, in parte spogli, lasciavano correre lo sguardo lontano seppur in un Bosco.
Pertanto osservavo questi tronchi uno accanto all’altro ed uno più bello dell’altro che dal terreno sembrava si ergessero fino al cielo.
Quando uscii dal Bosco fui rapito dai colori tenui di un’Alba Autunnale e da questo mare di Nuvole che mi fece compagnia tutto il giorno…
Durante quel meraviglioso giro le nuvole e la luce temporalesca che incombevano,  mi regalarono squarci stupendi sulle Montagne del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e tornai a Valle, al Tramonto, senza pioggia. Fui fortunato.
Un numeroso branco di Cervi, di entrambi i sessi, un’Aquila ed una Lepre (che è partita innanzi ai miei scarponi) sono stati “il bottino di immagini” che ho riportato a casa e che custodisco nel Cuore!

martedì 9 novembre 2010

lunedì 8 novembre 2010

Una breve monografia: la Volpe.

Piccola monografia dedicata ad uno splendido "guardiano" del bosco: 
la Volpe.

A volte, mentre camminiamo per i boschi, dovremo fermarci ed ascoltare...ed, ovviamente, lasciarci   ascoltare. Perchè loro, gli abitanti delle montagne, tra le fronde dei larici e dell'abete rosso, tra le pietraie e le praterie in quota, tra il vento e la neve che in autunno avanzato si fà sentire, loro sanno ascoltarci, sempre.
Immobile e perfettamente a suo agio nel mondo del bosco, una splendida volpe (Vulpes vulpes) si aggira tra i larici e gli abeti della Valsavarenche, catturando a sua volta i nostri sguardi.
Si crea quasi un'aura di magia, una divisione tra noi e lei: essa appartiene ad una dimensione superiore, ed è quasi un totem di questa natura così genuina, nel sapore autunnale...


Concentrazione di atmosfera: sguardo.
(Valsavarenche, Parco Nazionale del Gran Paradiso, Valle d'Aosta-Vallée d'Aoste)
Pare un guardiano, la bella Volpe: al limitare tra il sentiero di montagna ed il bosco scuro, selvaggio ma accogliente e sicuro...è ferma su una invisibile linea di confine tra l'uomo e l'anima sincera della Natura, ci scruta e sorveglia...

Sulla linea di confine... 
(Valsavarenche, Parco Nazionale del Gran Paradiso, Valle d'Aosta-Vallée d'Aoste)

--> Continua...


lunedì 1 novembre 2010

Autunno: a cavallo tra colori e cielo...

L'amico Carmine nei pressi dell'Alpe Leviona inf. - 2289mt (Valsavarenche, PNGP, Valle d'Aosta)
Un palcoscenico di colori: l'autunno si mostra nella bellezza della solitudine, anzi, per essere precisi, nella gioia di poter godere di attimi di armonia tra uomo e natura, lassù, nel nostro ramingo passaggio per le terre alte...
Una gioia che si sublima nella contemplazione di un paesaggio ancor più "vero" e puro, svuotato dei più superflui incontri con altre persone, reso emozionante nella vista dei colori che esplodono tra le vallate invase dall'oro dei larici, le praterie solitarie battute dai gelidi venti autunnali, le vette spruzzate della prima fredda neve...

Fermi nella contemplazione...immersione. (Valsavarenche, PNGP, Valle d'Aosta)
Passi verso l'alto, mentre gli abitanti del Reame di Madre Natura sono impegnati ad affrontare questa stagione di passaggio...e noi, come sempre, "in punta di piedi", per non disturbare, ci fondiamo con questi pensieri...



--> ...continua!

mercoledì 27 ottobre 2010

Emozioni sempre vive: incontri col Camoscio.

(Valsavarenche, Parco Nazionale del Gran Paradiso, Valle d'Aosta-Vallée d'Aoste)

Due splendidi esemplari di camoscio (Rupicapra rupicapra) lungo i pendii sotto le gorge della Grivola: quasi fossero i custodi dell'ingresso al vallone di Leviona.


Chamois... - Rupicapra rupicapra 
(Valsavarenche, Parco Nazionale del Gran Paradiso, Valle d'Aosta-Vallée d'Aoste)


La fauna della Vallée si riappropria un pò dei suoi spazi: arriva il freddo, arriva l'autunno, le valli ed i valloni tributari si agghindano di nuovi colori e gli animali, veri signori di queste terre, percorrono il loro reame...

(Valsavarenche, Parco Nazionale del Gran Paradiso, Valle d'Aosta-Vallée d'Aoste)






martedì 26 ottobre 2010

Presenze del bosco: l'amica volpe...



Silenziosa, appartata nel sottobosco, dominatrice...una stupenda volpe (Vulpes vulpes) ci vede, ci osserva ma si tiene in disparte tra gli abeti, nella magia dei boschi della Valsavarenche.
Come un leggiadro spirito del bosco, anima della natura, si muove come eterea presenza, come una danza.
Un bell'incontro in compagnia dell'amico Carmine "Washi", con cui ho condiviso queste emozioni, sempre stupende!


(Valsavarenche, Parco Nazionale del Gran Paradiso, Valle d'Aosta-Vallée d'Aoste)

giovedì 14 ottobre 2010

...blu del cielo...

...ed il viaggio, qui in una sua tappa che ci vede assieme, continua!
E gli specchi azzurri del Teatro di Madre Natura si aprono dinnanzi a noi, così veraci e splendidi...


Uno specchio al "Paradiso"
Camminiamo lenti attorno al lago delle Meyes, concedendoci la vista delle vette tutte attorno, splendide, contemplando il Creato.
E l'armonia della natura ci pervade, come un abbraccio materno, sincero...
Verso la Grivola
...ed il sapore della giornata, così semplice e bella, si può riassumere solo negli scorci e nel ricordo continuo della perfezione di certe creazioni.

Ciarforon e Becca di Monciair







mercoledì 13 ottobre 2010

Angoli nascosti contemplando l'armonioso paesaggio...

Se il nostro pellegrinaggio per le vallate, insieme, si può esemplificare con una vista, questa sarebbe senza dubbio quella del Gran Paradiso, fulcro del nostro amato Parco, centro geografico e geologico di un sistema di vette, creste, ghiacciai a noi tanto caro, vetta che insegna bene come la montagna, apparentemente così aspra, così barricata a dividere regioni e culture, in realtà si riveli come naturale ponte, "trait d'union" tra ambienti simili e coincidenti.
...ma non solo!
Gran Paradiso (4061mt)
Lassù, solo nelle terre alte, sono riuscito a legare amicizie così forti, unite nel collante della passione per il wandern, la contemplazione, il camminare "in punta di piedi", così ben professato dal tuo pensiero costante, con nel cuore la sempre presente, riverente sensazione di sentirsi in armonia con il creato.

Gruppo del Gran Paradiso dal Lago delle Meyes.

...quindi, che io sia ai piedi delle selvagge terre del Vallone di Forzo, in Piemonte, ad adorare le vaste pietraie brulle ergersi a guisa di ardita cresta come il Monveso di Forzo o la Torre di Lavina, oppure che io cammini su per i docili sentieri della "Valsavara", a contemplare i ghiacciai di Moncorvè, del Gran Paradiso, delle altissime cime che toccano il cielo azzurro, io sentirò sempre e comunque quel sentimento di "essere a casa", tra l'abbraccio materno della montagna e la coperta dolce del cielo.
E l'essere conscio di non essere il solo a provare tutto ciò, non può far altro che arricchire questa nostra amicizia.
...Lassù, e grazie a ciò che esiste lassù, ci siamo incontrati! Quanti passi...

-->...continua!



sabato 9 ottobre 2010

Il vento portava buone notizie... - Le vent apportait des bonnes nouvelles... -The wind brings good news...

Autunno nel Parco Nazionale Gran Paradiso


Camoscio alpino ♀ - Rupicapra rupicapra con capretto

martedì 28 settembre 2010

Risalita alle Meyes - Valsavarenche, Valle d'Aosta.


...e se il sapore della gioia fosse incarnato nei monti, che forma avrebbe?
Quanti passi i nostri scarponi hanno percorso su per queste vallate...eppure ogni volta, il sapore è sempre quello della sorpresa...
Dai prati alle vette (Valsavarenche, Valle d'Aosta - Vallée d'Aoste)

Ed è proprio questo sapore che ci rende ancor più facile parlare delle emozioni che ci spingono ad inerpicarci per i sentieri e le pietraie, fino a lambire gli alti ghiacciai e le cime che paiono voler toccare il cielo...
Il saper sempre trovare lo stupore della semplice bellezza che ci offre Madre Natura sotto gli occhi è la chiave di volta della nostra profonda passione, che ci accomuna.
Casolari delle Meyes (Valsavarenche, Valle d'Aosta - Vallée d'Aoste)
Queste antiche strade dei monti sono pane per i denti dell'amico "Washi", che accompagna il mio sguardo da vagabondo delle pianure con delicati pensieri sui "suoi" monti...
Lassù ogni piccolo gesto diventa importante, e si cementifica nel tempo passato insieme, col nostro amico "Grampa" che si mostra imponente nella sua selvaggia bellezza.
Sorriso di Luna (Valsavarenche, Valle d'Aosta - Vallée d'Aoste)

Herbetet (Valsavarenche, Valle d'Aosta - Vallée d'Aoste)
...continua!